Quantcast

Featured Books The Book of Women Alle donne è stato detto di essere sempre e solo donne

Alle donne è stato detto di essere sempre e solo donne

All’uomo è stato sempre raccomandato di essere uomo, senza mai mostrare tratti femminili, o dolcezze del cuore, senza mostrare ricettività, e d’essere sempre aggressivo. All’uomo è stato raccomandato di non piangere mai, di non lamentarsi mai – le lacrime sono per le donne.

Alle donne è stato sempre raccomandato di non essere come un uomo, di non mostrare mai aggressività, o espressioni del sé, di restare sempre passive e ricettive. Questo è contro la realtà, li ha storpiati entrambi.

In un mondo migliore, con una maggiore comprensione, un uomo potrebbe essere entrambi, e così una donna – qualche volta un uomo ha bisogno di essere come una donna, ci sono momenti in cui ha bisogno d’essere soffice, momenti di tenerezza, d’amore. Ci sono momenti in cui una donna ha bisogno di esprimersi e di essere aggressiva – nella rabbia, nella difesa, nella ribellione. Se la donna è semplicemente passiva si ridurrà automaticamente ad essere una schiava. Una donna passiva è adatta ad essere una schiava – questo è quello che è successo nei secoli. Ed un uomo aggressivo, enfaticamente aggressivo e mai tenero, è adatto a creare guerre, nevrosi nel mondo, violenza.

L’uomo ha combattuto continuamente, sembra che esista al mondo solo per combattere, in tremila anni ha combattutto cinquemila guerre. La guerra continua da qualche parte o in un’altra zona, la terra non è mai unita né sana ... non esiste un momento senza guerre, sia che siano in Corea, in Vietnam o in Israele, India, Pakistan o in Bangladesh, da qualche parte il massacro continua.

L’uomo deve uccidere per essere un uomo. Il settanta per cento delle sue energie sono messe nello sforzo delle guerre, nel crare bombe, bombe all’idrogeno, bombe ai neutroni, e così via.

Sembra che tutto il proposito dell’uomo qui sulla terra sia la guerra, gli eroi di guerra sono rispettati al massimo, i politici di guerra diventano grandi nomi della storia. Adolf Hitler, Wiston Churchill, Joseph Stalin, Mao Zedong – questi nomi resteranno per sempre. Perché? –Perché hanno combattutto grandi guerre, sono stati dei distruttori. Sia nell’aggressione che nella difesa – non è questo il punto –erano dei guerrafondai.

Nessuno saprà mai chi fu aggressivo – la Germania era aggressiva o no? Dipende tutto da chi scrive la storia. Chiunque ha vinto scriverà la storia, provando che il nemico aveva aggredito. La storia sarebbe stata totalmente diversa se Adolf Hitler fosse stato vittorioso, ci sarebbe sicuramente stato il tribunale di Norimberga, ma sull’altro lato sarebbero stati seduti generali  e politici Americani, Inglesi e Francesi, la storia sarebbe stata scritta dai tedeschi che naturalmente avrebbero avuto una visione diversa. Nessuno sa qual’è la verità.

Ma una cosa è certa, che l’uomo mette tutta la sua energia nella Guerra. La ragione? – La ragione è che a lui è stato detto di essere proprio come un uomo, la sua parte femminile è stata negata, quindi nessun uomo è totale ed integro.

Così è successo anche alla donna – nessuna donna è integra ed intera, a lei è stata negata la parte maschile, quando era una bambina piccola non poteva giocare con i ragazzini, arrampicarsi sugli alberi, doveva giocare con le bambole e ad avere la sua ‘casetta’. Una visione completamente distorta.

L’uomo è ambedue, e così la donna – ed ambedue sono necessari  per creare un reale, armonioso essere umano. L’esitenza è dialettica, e gli opposti non sono solamente opposti, sono anche complementari.

Osho, The Heart Sutra , # 3

Per continuare a leggere:  clicca qui