Quantcast

Perchè succede il terrorismo?

Perchè succede il terrorismo?

Osho,
Vorresti parlare del terrorismo?

”Tutto è profondamente legata a tutto quello che succede. Il fenomeno del terrorismo è certamente legato a qualcosa che sta succedendo nella società. La società si sta degradando. È stato scoperto che tutto è stato basato su basi sbagliate, il suo vecchio ordine, la disciplina, la moralità, la religione. Ha perso il suo potere sulla coscienza delle persone.

Il terrosismo è semplicemente il simbolo che distruggere esseri umani non è importante, che non c’è  nulla negli esseri umani che sia indistruttibile, questa è materia – e tu non puoi uccidere la materia, puoi solo cambiare la sua forma. Quando l’uomo viene considerato solo come una combinazione di materia, e non viene dato nessuno spazio a una parte spirituale dentro di lui, allora uccidere diventa solo un gioco.

Le nazioni sono irrelevanti a causa delle bombe nucleari. Se il mondo intero può essere distrutto tutto in una volta in qualche minuto, l’unica alternativa è che il mondo sia unito. Ora non può rimanere diviso; la sua divisione è pericolosa, perchè la divisione può trasformarsi in guerra in un qualunque momento. La divisione non può essere tollerata. Solo una guerra è sufficiente per distruggere tutto, e non c’è più molto tempo perchè l’uomo comprenda che dovremmo creare un mondo dove non ci sia nessuna possibilità di guerra.

Il terrorismo ha molti motivazioni. Una è che, a causa delle bombe nucleari, le nazioni mettono le loro energie in quel campo, pensando che le vecchie bombe sono datate. Sono datate, ma le persone possono iniziare a usarle. E non puoi usare le bombe nucleari contro le persone – quato sarebbe semplicemente stupido. Se un terrorista lancia una bomba – ciò non giustifica che sia lanciato un missile nucleare.

Quallo che voglio sottolineare è che gli armamenti nucleari hanno dato agli individui una certa libertà di usare le vecchie bombe, una libertà che una volta non c’era perchè una volta i governi usavano le stesse bombe.

Ora i governi si concentrano nel distruggere le vecchie bombe, buttandole nell’oceano, vendendole a nazioni povere che non possono permettersi armamenti nucleari. E tutti quei terroristi arrivano da questi paesi poveri, con le stesse bombe che sono state vendute alle loro nazioni. E loro hanno una strana difesa: non puoi usare armamenti nucleari contro di loro, non puoi lanciargli le bombe atomiche.

Non puoi lanciargli le bombe e improvvisamente sei impotente. Hai molte bombe atomiche, bombe atomiche nelle tue mani – ma se qualche volta è utile un ago, una spada può essere inutile. Tu puoi avere la spada; questo non significa necessariamente che ti trovi in una posizione di superiorità rispetto all’uomo che ha un ago, perchè ci sono cose per cui solo l’ago funziona – la spada non sarà utile.

Quelle piccole vecchie bombe sono state ammassate, e le grandi potenze le hanno eliminate – o gettate nell’oceano... Questo è costato così tanti soldi, così tanta mano d’opera, è stata sprecata così tanta energia; economicamente è stato un disastro. Ma anche solo ammassarle era economicamente impossibile. Quante bombe puoi raccogliere? C’è un limite. E quando trovi un nuovo modo di uccidere persone, più efficiente, allora il vecchio deve semplicemente essere buttato.

Si è pensato che fosse meglio venderle ai paesi poveri. I paesi poveri non possono costuire armi nucleari – costa troppo. E queste bombe erano economiche – il che aiutava; le hanno accettate, ma queste bombe non possono essere usate in guerra. In guerra queste bombe sono già inutili. Ma nessuno ha visto la possibilità che queste bombe possono essere usate individualmente, e un nuovo fenomeno – il terrosismo – ne è venuto fuori.

Ora un terrorista ha uno strano potere, anche superiore al più grande dei poteri. Può lanciare bombe sulla Casa Bianca senza nessuna paura, perchè le tue sono troppo grandi e non puoi tirargliele. E queste sono le bombe che gli hai venduto tu! Ma il fenomeno non era stato previsto, perchè la psicologia umana non è compresa.

Quello che ho capito io è che per come ha vissuto, l’uomo ha bisogno di una guerra ogni dieci, dodici anni. Ha accumulato così tanta rabbia, così tanto furore, così tanta violenza che nulla di meno di una guerra può dargli sollievo. Quindi, tra una guerra e l’altra, c’è una pausa di soli dieci, dodici anni. La pausa è una specie di rilassamento. Ma ancora inizi ad accumulare, perchè la stessa psicologia è al lavoro – la stessa gelosia, la stessa violenza.

L’uomo è in sostanza un cacciatore; per sua natura non è vegetariano. Prima è diventato un cacciatore, e per migliaia si anni si è cibato solo di carne, e il cannibalismo era prevalente dappertutto. Mangiare uomini catturati dalla tribù con cui combattevi era perfattamente etico. E questo sta nell’inconscio dell’umanità.

Le religioni si sono imposte sull’uomo in modo veramente superficiale; il suo inconscio non è d’accordo. Ogni uomo vive in disaccordo con se stesso. Allora, ogni qual volta trova un’occasione – per una causa meravigliosa; la libertà, la democrazia, il socialismo – qualunque parola meravigliosa può diventare uno schermo per nascondere il suo orrendo inconscio, che vuole semplicemente distruggere e godersi la distruzione.

Ora il mondo è diventato pressochè impossibile; altrimenti non ci sarebbe stato il terrorismo. È passato abbastanza tempo dalla seconda guerra mondiale; la terza guerra mondiale sarebbe dovuta accadere attorno al 1960. Non è successo. Questa è stata la routine di tutta la storia, e l’uomo è programmato per questa routine.

È stato osservato dagli psicologi che in tempo di guerra le persone sono più felici che in tempo di pace. In tempo di guerra la loro vita ha un brivido; in tempo di pace sono annoiati. In tempo di guerra, la mattina presto cercano il giornale, ascoltano la radio. Lontano possono succedere cose, e sono eccitati. Qualcosa in loro ha un’affinità.

Una guerra che sarebbe dovuta scoppiare da qualche parte tra il 1955 e il 1960 non è scoppiata, e l’uomo è oppresso dal desiderio di uccidere, il desiderio di distruggere. Ha solo bisogno di una buona scusa per farlo.

Il fenomeno del terrorismo diventerà sempre più grande, perchè la terza guerra mondiale è pressochè impossibile. E gli stupidi politici non hanno altra alternativa. Il terrorismo significa semplicemente che quello che era fatto su scala sociale, ora deve essere fatto individualmente. Crescerà.

Può essere prevenuto solo se cambiamo le vere fondamenta della comprensione umana – che è un compito himalaiano; ancor di più perchè queste stesse persone che tu vuoi cambiare ti combatteranno; non ti permetteranno di cambiarle così facilmente.

Infatti, amano gli spargimenti di sangue; non hanno il coraggio di dirlo. In una delle novelle esistenzialiste, c’è un meraviglioso evento che si può dire sia sostanzialmente vero.

Un uomo si presenta davanti alla corte perchè ha ucciso uno straniero che stava seduto sulla spiaggia. Non aveva mai visto lo straniero. Non lo uccise per soldi. Ancora non sa quale sia il suo aspetto perchè l’ha ucciso da dietro, con un grande coltello. Non si erano mai incontrati – non c’era nessun motivo di ostilità. Non si conoscevano nemmeno; non si erano mai visti in faccia.

Il magistrato non capiva, e chiese all’omocida: perchè l’hai fatto?

Egli rispose, quando ho pugnalato quell’uomo con un coltello, e una fontana di sangue è uscita dalla sua schiena, quello è stato uno dei più bei momenti della mia vita. Lo so che il prezzo sarà la mia vita, ma sono pronto a pagare per questo; ne è valsa la pena. Ho vissuto tutta la mia vita nella noia – nessuna eccitazione, nessuna avventura. Alla fine ho dovuto decidere di fare qualcosa. E questo fatto mi ha reso famoso nel mondo; la mia fotografia è su ogni giornale. E sono assolutamente contento di averlo fatto.

Non c’era bisogno di nessuna prova. L’uomo non stava negando – al contrario, lo stava celebrando. Ma la corte ha il suo modo di procedere secondo routine – le testimonianze dovevano ancora essere prodotte; solo le sue parole non possono essere accettate. Avrebbe potuto mentire, potrebbe non aver ucciso l’uomo. Nessuno lo aveva visto – non c’era un singolo testimone oculare – quindi dovevano essere prodotte le prove circostanziali.

Tra queste c’era la possibilità che l’uomo abbia ucciso in accordo alla sua vita passata e al suo contesto. Sua madre  morì quando era giovane. E quando venne a sapere che sua madre era morta, disse:  merda! Quella donna non mi lascerà in pace nemmeno da morta! È domenica e ho comprato I biglietti per andare a teatro con la mia ragazza. Ma lo sapevo che avrebbe fatto qualcosa per rovinarmi la giornata intera – e l’ha rovinata.

Sua madre è morta e lui  dice che lei gli ha rovinato la domenica! Stava andando a teatro con la sua ragazza, e ora deve andare al funerale. E le persone che sentirono questa reazione erano scioccate. Dissero: questo non è giusto, cosa stai dicendo?

Disse: Cosa? Cos’è sbagliato e cos’è giusto? Non poteva morire un altro giorno? Ci sono sette giorni in una settimana – da lunedì a sabato, sarebbe potuta morire in qualunque altro giorno. Ma tu non conosci mia madre – io la conosco. È una puttana! L’ha fatto apposta.

La seconda testimonianza riportava che andò al funerale, e la sera era stato trovato in una discoteca a ballare con la sua ragazza. E qualcuno chiese: Cosa! Cosa stai facendo? Tua madre è appena morta.

Disse: E quindi cosa? Vuoi dire che ora non posso più ballare? Mia madre non tornerà in vita, rimarrà morta; quindi qual’è il problema se ballo dopo sei ore, otto ore, otto mesi, otto anni? Qual’è il problema? – lei è morta. E io devo ballare, devo vivere, devo amare, nonstante la sua morte. Se tutti smettessero di vivere per la morte della propria madre, per la morte di proprio padre, allora non ci sarebbe danza nel mondo, non ci sarebbero canzoni nel mondo. 

La sua logica è veramente giusta. Lui dice, dov’è la linea di demarcazione? Dopo quante ore posso ballare? – Dodici ore, quattordici ore, sei settimane?  Dov’è la linea di demarcazione? Su quali basi? Qual’è il criterio? Allora non importa. Una cosa è certa: in qualunque momento ballerò sarà dopo la morte di mia madre, quindi decido di ballare oggi. Perchè aspettare domani?

Queste prove circostanziali sono presentate alla corte – quest’uomo è strano, è in grado di commettere un tale omicidio. Ma se guardi più da vicino questo pover’uomo, non sentirai nessuna rabbia nei suoi confronti; sentirai compassione nei suoi confronti. Ora, non è colpa sua che sua madre è morta; e comunque, deve ballare prima o poi, quindi non fa differenza. Non puoi rimproverare quest’uomo per avere detto delle cose orrende: lei è morta apposta di domenica per rovinare la mia gioia, perchè in tutta la sua esperienza di vita lei deve avergli tolto ripetutamente ogni possibilità di gioia. Questa  era l’ultima conclusione: adirittura in punto di morte non mi lascerà da solo. 

E tu non puoi condannare quest’uomo per aver ucciso uno straniero … perchè non è un ladro; non gli ha portato via nulla. Lui non è un nemico; non vide nemmeno chi era l’uomo che stava uccidendo. Era semplicemente annoiato dalla vita e voleva fare qualcosa che lo facesse sentire significativo, importante. È contento che la sua foto è su tutti i giornali. Se avessero pubblicato prima la sua foto, non avrebbe ucciso; ma loro aspettarono – fino a quando non uccide loro non pubblicano la foto. E lui voleva essere una celebrità … proprio un desiderio umano. Ed era pronto a pagare con la sua vita per essere conosciuto dal mondo intero, riconosciuto da tutti almeno per un giorno.

Fino a quando non cambieremo le fondamento dell’umanità, il terrorismo diventerà sempre più comune, un affare di ogni giorno. Succederà negli aeroplani, succederà negli autobus. Succederà nelle automobili. Inizierà a succedere agli sconosciuti. Qualcuno arriverà improvvisamente e ti sparerà – non che tu gli abbia fatto qualcosa, ma così, il cacciatore è tornato.

Il cacciatore era soddisfatto in guerra. Oggi la guerra è stata fermata e forse non c’è possibilità che accada. Il cacciatore è tornato; ora non possiamo combattere collettivamente. Ogni individuo deve liberarsi dal proprio ribollire.

Le cose sono interconnesse. La prima cosa che deve essere cambiata è che l’uomo dovrebbe essere più gioioso – quello che tutte le religioni hanno ucciso.

I veri criminali non sono stati presi. Queste sono vittime, i terroristi e gli altri criminali. Sono tutte le religioni del mondo i veri criminali, perchè hanno distrutto tutte le possibilità di gioire. Hanno distrutto la possibilità di godere delle piccole cose della vita; hanno condannato tutto ciò che la natura ti fornisce per renderti felice, per farti sentire eccitato, farti sentire piacevole.

Hanno portato via tutto; e se non sono stati in grado di portarti via un pò di cose perchè sono così radicate nella tua biologia – come il sesso – sono stati almeno in grado di avvelenarle.

A mio parere Friedrich Nietzsche è uno dei più grandi veggenti del mondo occidentale; i suoi occhi penetrano davvero le vere radici del problema. Ma poichè gli altri non possono vedere – i loro occhi non erano così acuti, e nemmeno la loro intelligenza così acuta – l’uomo ha vissuto da solo, abbandonato, isolato, non amato, non rispettato.

In una delle sue affermazioni dice che le religioni hanno insegnato all’uomo a condannare il sesso, a rinunciare al sesso. La religione non è stata in grado di gestirlo; e l’uomo ha provato molto ma ha fallito, perchè è così profondamente radicato nella sua biologia – costituisce tutto il suo corpo. È nato dal sesso – come può privarsene senza commettere un suicidio? Così l’uomo ha provato, e le religioni lo hanno aiutato a disfarsene – sono state usate migliaia di discipline e di strategie. Il risultato finale è che il sesso è lì, ma avvelenato. Questa parola avvelenato ha un enorme significato. Le religioni non sono state in grado di rimuoverlo, ma certamente sono state in grado di avvelenarlo.

La situazione è la stessa con altre cose: le religioni hanno condannato il tuo vivere comodamente. Ora, un uomo  che vive comodamente e nel lusso non può diventare un terrorista. Le religioni hanno condannato i ricchi, lodato la povertà; ora, un uomo ricco non può essere un terrorista. Solamente i fortunati che sono poveri possono essere terroristi – perchè non hanno niente da perdere, e stanno crescendo contro l’intera società perchè gli altri hanno cose che loro non hanno. Le religioni hanno provato a consolarli.

Ma poi arrivò il comunismo – una religione materialista – che provocò le persone e che gli disse, le tue vecchie religioni sono un oppio per le persone, e non è a causa delle tue azioni dannate in questa vita e nelle vite passate che stai soffrendo di povertà. È a causa dello sfruttamento del diavolo dei birghesi, dei super ricchi che state soffrendo.

L’ultima frase nel  Manifesto Comunista di Karl Marx è: proletari di tutto il mondo unitevi; non avete niente da perdere e avete tutto il mondo da guadagnare. Siete già poveri, affamati, nudi – quindi che cosa avete da perdere? La vostra morte non vi renderà più miserabili di quanto la vostra vita vi stia già rendendo. Quindi perchè non cogliere l’opportunità e distruggere quelle persone che vi hanno portato via tutto? E riprendere quelle cose, distribuirle?

Quello con cui le religioni hanno in un qualche modo consolato le persone – anche se era sbagliato e astuto ed era una bugia, ma ha tenuto le persone in uno stato di sonnolenza – il comunismo le ha improvvisamente rese consapevoli di questa cosa.

Questo significa che questo mondo ora non sarà mai in pace se noi non ritireremo tutte le idee corrotte che sono state impiantate nell’uomo.

Le prime sono le religioni – i loro valori dovrebbero essere rimossi in modo che l’uomo possa sorridere di nuovo, possa ridere ancora, possa gioire nuovamente, possa essere ancora naturale.

Secondo, deve essere chiaro per le persone che quello che il comunismo sta dicendo è psicologicamente sbagliato. Stai cadendo da una trappola all’altra. Non esistono due uomini uguali; quindi l’idea di uguaglianza è senza senso. E se decidi di essere uguale allora devi accettare una dittatura del proletariato. Questo significa che hai perso la tua libertà.

Prima la chiesa ha portato via la tua libertà, Dio ha portato via la tua libertà. Ora il comunismo rimpiazza la tua chiesa e porterà via la tua libertà. E senza la tua libertà non puoi gioire. Vivi nella paura, non nella gioia. Se possiamo pulire la base della mente inconscia dell’uomo … e questo è il mio lavoro. Può essere ripulita.

Il terrorismo non è nelle bombe, è nelle tue mani; il terrorismo è nel tuo inconscio.

Altrimenti, questo tipo di affari continuerà a crescere più amaramente. E sembra che tutti i tipi di persone cieche abbiano delle bombe nelle loro mani e che le lancino in modo casuale.

La terza guerra mondiale avrebbe liberato le persone per dieci o quindici anni. Ma la terza guerra mondiale non può scoppiare perchè se accadesse non allevierebbe le persone, le distruggerebbe solamente.

Quindi la violenza individuale aumenterà -  sta aumentando. E tutti i tuoi governi e tutte le tue religioni continueranno a perpetrare le vecchie strategie senza comprendere la nuova situazione.

La nuova situazione è che l’essere umano ha bisogno di passare attraverso terapie, deve comprendere le sue intenzioni nell’inconscio, deve passare attraverso le meditazioni in modo che possa calmarsi, che si rinfreschi – e che possa guardare al mondo da una nuova prospettiva, di silenzio.”

Osho, Beyond Psychology, Talk #18