Quantcast

Citazioni di Osho sulla felicità

Citazioni di Osho sulla felicità

La felicità dipende dall’infelicità

"Il mio sforzo qui è quello di creare un’atmosfera di beatitudine, non di felicità. La felicità è inutile, dipende dall’infelicità, mentre la beatitudine trascende e ti muovi al di là della dualità dell’essere felice o infelice. Guardi ambedue, la felicità arriva e guardandola non rimani identificato, non dici, “Sono felice, in pace, è bello.” Semplicemente guardi affermando, “Si, una nuvola bianca sta passando.”

Poi arriva l’infelicità ma non diventi infelice, solamente dici, ”Una nuvola nera sta passando, sono testimone di ciò, sto osservando.

Questa è meditazione, diventare solo un osservatore, vedendo arrivare la sconfitta, il successo, l’essere amato o condannato, rispettato o insultato – tutte le cose che arrivano, ma sai che sono duali. E tu continui ad osservare e guardando le dualità, una terza forza cresce dentro di te, una terza dimensione. La dualità indica due dimensioni, una è la felicità e l’altra l’infelicità. Osservandole ambedue una profondità si manifesta all’interno, una terza dimensione, quella del testimone, sakshin.

E questa terza dimensione porta beatitudine, senza opposti, serena, tranquilla, fresca, un’estasi senza alcuna eccitazione.”

Osho, Philosophia Perennis, Vol. 1, Talk #9

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: il libro in italiano e l' audiolibro in inglese
 

 

 

 

Non potresti essere la causa della tua stessa felicità?

"La meditazione ti rende felice di te stesso, il solo sedere senza fare nulla: felice, gioioso senza alcun motivo, tutte le tue ragioni provengono dall’esterno: incontri una bella donna e sei felice, o incontri un bell’uomo e sei felice – invece il meditatore è semplicemente felice, e la sua felicità non ha ragioni che provengono dall’esterno, la sua felicità erompe direttamente da dentro di lui.

La relazione è pura gioia che viene dall’altro ma avete notato quando la felicità arriva dall’altro dovrebbe essere elaborata nell’altro, altrimenti come potrebbe arrivare fino a te? Così nello stesso modo la tua felicità arriva all’altro, ambedue gioite della felicità dell’altro: state bevendo dallo stesso contenitore, il pozzo esiste, altrimenti come potreste bere? Ma la donna che ami pensa che è felice della tua felicità – che la stai rendendo felice, che sei la ragione della sua felicità, nello stesso modo tu pensi che lei è la causa della tua felicità. Se quindi siete ambedue la causa della vostra felicità, non potreste essere la causa della vostra stessa  personale felicità?”

Osho, Philosophia Perennis, Vol. 1, Talk #5

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: il libro in italiano e l' audiolibro in inglese

 

 

 

Tutto dipende da te

"La religione essenziale si prende tutta la responsabilità per qualsiasi cosa tu sia. Immediatamente quindi si manifesta un pensiero: “Se sono responsabile della mia sofferenza, allora è semplice, posso lasciarla andare, è una mia scelta, non la sceglierò mai più.

Ad un mistico Sufi che era sempre felice fu chiesto ... Per settant’anni la gente lo aveva osservato, non lo aveva mai trovato triste. Un giorno gli chiesero, ‘Qual’è il segreto della tua felicità?’ Lui disse, ‘Non esistono segreti, tutte le mattine quando mi sveglio medito per cinque minuti e mi dico, ‘Ascolta, adesso ci sono due possibilità: puoi essere miserabile o in beatitudine. Scegli.’ E scelgo sempre la beatitudine.’

Sono aperte tutte le possibilità. Scegli di essere gradevole, poi ci saranno persone che possono essere gradevoli pur essendo imprigionate, e persone che restano miserabili e grette anche se vivono in un palazzo di marmo. Tutto dipende da te.”

Osho, Unio Mystica,  Vol. 2, Talk #10

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: il libro e l' audiolibro in inglese

 

 

 

La felicità è connessa con quello che sei

“La felicità non ha niente a che vedere con quello che hai o con quello che non possiedi. La felicità è connessa con quello che sei, quindi in qualsiasi maniera hai collezionato molte cose, forse queste fanno crescere le tue ansie, i tuoi problemi, ma la felicità non aumenterà per loro. Certamente l’infelicità crescerà con loro, ma esse non sono correlate ad aumentare la tua felicità.

Non sto affermando che dovresti rinunciare alle cose, che dovresti fuggire dalla tua casa e rinunciare alla vita nella piazza del mercato. Non fraintendermi, quello che è, va bene. Non succederà niente sia abbandonando le cose, scappando da loro o attaccandosi ad esse. Resta dove sei, ma inizia a cercare dentro di te, hai già fatto molte ricerche all’esterno, adesso vai dentro, conosci te stesso, e conoscendo te stesso puoi ottenere il tutto. Tutti i desideri possono essere soddisfatti in un momento.”

Osho, Die O Yogi Die, Talk #6

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare il libro in inglese

 

 

 

La felicità non ha bisogno di spiegazioni

"Se sei felice, lo sei e questo basta, nessuno ti chiederà perché sei felice. Se invece sei miserabile una domanda può essere importante, qualcuno ti potrà chiedere perché sei miserabile, e la domanda è importante – l’infelicità e la miseria vanno contro natura, è successo qualcosa di sbagliato. Quando sei felice nessuno ti chiede il perché della tua felicità, forse solamente qualche persona nevrotica, queste persone esistono, quindi non posso denigrare l’eventuale possibilità.

Ho sentito dire di un paziente – lo psichiatra era annoiato, ovviamente da lui poteva ricevere molto denaro, ma si sentiva sempre più annoiato – dopo tre, quattro, cinque anni di psicoanalisi, e l’uomo che ripeteva le stesse cose continuamente, allora lo psichiatra gli disse, ‘Fai una cosa, vai in montagna per qualche giorno, sarà molto utile.’

Il paziente quindi andò sulle montagne, e sapete cos’è successo? Il giorno dopo arrivò un telegramma dallo psichiatra. Il paziente nel telegramma diceva, ‘Mi sento molto felice – perché?’

 

Sentirsi molto felice – perché? C’è bisogno di una spiegazione? No, la felicità non ha bisogno di dissertazioni, la felicità è la dimostrazione stessa. Dio crea perchè è l’unico modo per essere felice, il solo modo in cui ama, canta, l’unico modo in cui può essere. La creazione è la sua natura intrinseca e profonda, non ha bisogno di alcun motivo.”

Osho, The Path of Love, Talk #8

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: il libro in italiano e l' audiolibro in inglese

 

 

 

Essere felice è essere naturale

"Quando sei felice sei ordinario, essere felici è solo essere naturali. Essere miserabile ti fa diventare straordinario, non c’è nulla di speciale nell’essere felice – gli alberi sono felici, così gli uccelli, gli animali sono felici, i bambini sono felici. Cosa c’è di speciale in tutto ciò? È solamente la solita cosa che c’è nell’esistenza, l’esistenza è costituita di cose che chiamiamo felicità. Guarda! – non puoi vedere questi alberi? ... così felici. Puoi vedere questi uccellini che cantano? ... così felici. La felicità non ha nulla di speciale in tutto ciò, è semplicemente una cosa realmente ordinaria.

L’infelicità ti rende speciale. Lo scoraggiamento ti fa diventare ancora più egoista, un uomo gretto deve avere un ego ancora più concentrato di un uomo felice. Chi è felice non può avere un ego, si diventa felici quando l’ego scompare. Meno ego hai, più felice sei, più sei felice, e meno sei pieno di ego. Nella felicità ti dissolvi, non puoi esistere insieme alla felicità, esisti solamente quando sei miserabile, nella felicità ti estingui.”

Osho, The Discipline of Transcendence, Vol. 2, Talk #8

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: l' audiolibro in inglese

 

 

 

Il denaro non ha nulla a che vedere con la felicità

"Non essere troppo interessato al denaro, è la distrazione più grande e va contro la felicità. L’ironia delle ironie è quella che le persone pensano di diventare felici solo dopo il possedimento di denaro. Il denaro non ha niente a che fare con la felicità. Se sei felice e possiedi denaro, lo puoi adoperare per la felicità. Se sei infelice e possiedi denaro, puoi usarlo per diventare ancora più infelice. Il denaro è semplicemente neutro.

Non sono contro il denaro – ricorda, non interpretarmi male. Non sono contro il denaro, non sono contro nessuna cosa. Il denaro è uno strumento. Se sei felice e possiedi denaro, diventerai ancora più felice. Se sei infelice e possiedi del denaro, diventerai ancora più infelice, cosa farai con il tuo denaro? I tuoi soldi faranno aumentare il tuo modello, qualunque esso sia. Se sei miserabile ed hai potere, che farai con il tuo potere? Con il tuo potere avvelenerai sempre più te stesso diventando sempre più gretto."

Osho, A Sudden Clash of Thunder, Talk #7

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare:  l' audiolibro in inglese

 

 

 

La tua felicità non può essere cancellata dall'opinione di nessun altro

"Molte volte le persone vengono da me per essere tranquillizzate, e chiedono, ‘Mi sento molto felice e beato. Cosa ne dici?’ Perché hai bisogno di parlarne? Lo stesso bisogno dimostra che la felicità non è reale ma immaginaria.

Se sei veramente felice, resti felice anche se tutto il mondo ti contraddice. Se tutto il mondo è d’accordo sul fatto che non sei felice, anche quello non fa conto, la tua felicità è reale, non potrà essere cancellata o sminuita da opinioni altrui. Ma se la tua felicità non è reale, potrà essere annullata da chiunque, persino da un bambino, e guarderai costantemente gli altri sorridendo, cercando di mostrare che sei felice, in modo che possano dire, ‘Si, sei veramente felice, sembri proprio felice.'"

Osho, Come Follow to You, Vol. 3, Talk #9

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: l' audiolibro in inglese

 

 

 

E’ impossibile inseguire la felicità

"Se la vita è un regalo, tutto ciò che appartiene alla vita è un regalo. Felicità, amore, meditazione – tutto ciò che è bello diventa un regalo della spiritualità, del tutto. Non puoi meritartelo in nessun modo, e non puoi forzare l’esistenza a renderti felice, a farti diventare amorevole o meditativo. Lo sforzo viene dall’ego, e crea miseria, la fatica va realmente contro di te e ti distrugge – è suicida.

Non è possibile inseguire la felicità. Nessuno lo ha mai fatto. Bisogna attendere che arrivi, non è un diritto. Nessuna legge, nessuna corte può forzarti ad essere felice o forzare la felicità ad essere con te. Nessuna violenza del governo è capace di renderti felice. Nessun potere ti può far diventare felice...

La sola idea che puoi inseguire la felicità, che te la meriti, che la rivendichi, che hai il diritto di essere felice, è folle. Nessuno ha il diritto ad essere felice, puoi essere felice ma non esiste una legge per questo. E se pensi di averne diritto, la perderai, perché hai iniziato a guardare nella direzione sbagliata sin dall’inizio.

Perché è così? Se la vita è un regalo, tutto quello che proviene dalla vita ed è intrinseco alla vita è un regalo. Puoi aspettare per riceverlo, puoi essere ricettivo, puoi restare nello spazio dell’abbandono, aspettando paziente, ma non puoi richiederlo né puoi forzarlo.”

Osho, Just Like That, Talk #7

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: l' audiolibro in inglese

 

 

 

La felicità è un polo, la tristezza un altro

"La felicità è un polo, la tristezza un altro. La beatitudine è un polo, la miseria un altro. La vita consiste in ambedue, e la vita si arricchisce per le due dimensioni. Una vita di sola beautitudine potrà estendersi ma non andrà in profondità. Una vita di sola tristezza avrà profondità, senza estendersi, mentre una vita con ambedue, tristezza e beatitudine, è multi-dimensionale e si muove in tutte le direzioni contemporaneamente. Osserva la statua del Budda o qualche volta osserva dentro i miei occhi, e troverai insieme beatitudine, pace, ma anche tristezza. Troverai una beatitudine che contiene tristezza, quella tristezza ti aiuta ad entrare in profondità. Osserva la statua del Budda – beato ma anche triste. La parola triste ti da una connotazione sbagliata, che qualcosa è sbagliato, ma questa è la tua personale interpretazione.

Osho, The Alchemy of Yoga, Talk #10
 

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: l' audiolibro in inglese

 

 

 

Ogni qual volta ti senti felice non è una proiezione della mente

"Quando ti senti felice la felicità che provi proviene sempre dall’interno, poi la mente salta dentro prendendo il controllo e affermando, ‘È per me.’ Quando ami, è come la morte, ti senti beato, e subito entra la mente che ti dice, ‘Okay, questa beatitudine sono io, viene da me.’

Ogni volta che mediti, ci sono momenti in cui la mente entra frettolosamente dicendoti, ‘Sii felice! Guarda! Questo l’ho fatto io.’ Ed il contatto immediatamente viene perso.

Ricordati di questo: con la mente perderai sempre. Anche se vinci, le tue vittorie saranno solo delle sconfitte. Con la mente non esiste la vittoria, con la non-mente non sarai mai sconfitto. Devi cambiare tutta la tua consapevolezza, portandoti dalla mente alla non-mente e, una volta che sei nella non-mente, niente è sbagliato, nulla può andare nella direzione sbagliata.”

Osho, The Empty Boat, Talk #9

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: il libro, l' e-book e l' audiolibro in inglese

 

 

 

Non nutrire alcun desiderio di felicità

"Chiediamo felicità ma quello che raccogliamo è infelicità, facciamo tutti gli sforzi per cercare di essere felici ma facciamo uno sbaglio fondamentale: la felicità non è collegata allo sforzo, invece è legata al non richiedere di averla ...

 Prova a sperimentarlo un poco durante questi giorni in cui sei con me, non nutrire alcun desiderio di felicità e vedrai come il tuo cuore diventerà ricco di felicità. Non avere desideri di pace e vedrai svanire il turbamento al tuo interno. Non mendicare contentezza e vedrai che ti si riverserà di sopra. Prova tutte queste cose, per cortesia – e solo dopo potrai comprendere.

 Questo è l’esperimento più profondo nella vita, qualsiasi cosa sia stata scoperta riguardo alla vita, questa è la più importante e significativa di tutte: non chiedere felicità se vuoi essere felice, non chiedere pace se vuoi essere pacifico. Qualsiasi cosa chiedi verrà persa, e qualsiasi cosa non richiedi la riceverai. Molte altre volte hai chiesto e hai potuto confermare di non aver ricevuto nulla, adesso prova a non chiedere e vedrai. Non hai bisogno di credermi, hai invece bisogno di sperimentare.”

Osho, The Voice of Silence, Talk #2
 

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare il libro in iglese

 

 

 

Cos’è sbagliato nell’essere felici?

"Che c’è di sbagliato nel gioire di se stessi? Cos’è sbagliato nell’essere felici? Se c’è qualcosa di sbagliato è sempre nella tua infelicità, una persona infelice crea, tutt’intorno a sé, onde di infelicità. Sii felice! L’atto del sesso, l’atto dell’amore può essere uno degli strumenti più profondi attraverso cui puoi raggiungere la beautitudine.”

Osho, The Book of Secrets, Talk #34

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: il libro in italiano, l' e-book e l' audiolibro in inglese

 

 

 

Solo una persona felice puo´ essere terreno fertile per la felicita´ di altri

"Tutti i sistemi di valori morali, sono realmente contro la felicità. Se qualcuno è felice senti che qualcosa è andato nella direzione sbagliata, mentre quando qualcuno è triste, tutto va bene. Viviamo in una società nevrotica in cui tutti sono tristi, e quando sei infelice sono tutti contenti perché possono simpatizzare con te, mentre quando sei contento sono tutti persi. Cosa possono fare con te? Quando qualcuno simpatizza con te, osserva il suo volto, il volto risplende, un sottile scintillio appare nel volto perché, simpatizzando, è felice. Se sei felice non ci sono altre possibilità, la tua contentezza crea tristezza negli altri, la tua infelicità al contrario crea contentezza. Ma questa è nevrosi! La base di tutto ciò sembra follia.

 Il Tantra afferma di essere reali, autentici con se stessi. La tua felicità non è sbagliata, va bene, non è un peccato! Solo la tristezza è peccato, essere miserevoli e gretti è un peccato. Essere felici è una virtù, la persona felice non potrà creare infelicità negli altri. Solamente una persona felice può essere il terreno adatto alla felicità degli altri.”

Osho, The Book of Secrets, Talk #34

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare: il libro in italiano, l' e-book e l' audiolibro in inglese

 

 

 

La libertà porta con sé la felicità

"La mia osservazione è che tutti i cuori degli esseri umani sono uguali e che il loro più grande desiderio è anche uguale per tutti. L’anima desidera essere felice, una perfetta e pura felicità, solo allora tutti i desideri scompariranno. Quando i desideri continuano ad esistere, allora c’è miseria, con i desideri non puoi aver pace.

La totale assenza di desideri porta felicità, portando con sé anche libertà e liberazione. Ogni volta che qualcosa manca, ci sono limiti e dipendenza, solo quando non manca nulla, esiste la possibilità di totale libertà. La libertà conduce alla felicità, e la felicità alla salvezza.

Il desiderio di una felicità totale e di un’estrema libertà giace dormiente in ognuno di noi, nella forma di un seme, un seme che contiene un albero all’interno. Nello stesso modo, il raggiungimento del desiderio più grande dell’uomo è nascosto nella sua vera natura, e nel suo perfetto sviluppo, è nella nostra natura essere felici e liberi. La nostra autentica natura è la sola verità e solamente perfezionandola possiamo arrivare ad una completa soddisfazione.”

Osho, The Long, the Short and the All, Talk #6
 

Per continuare a leggere in inglese clicca qui

 

 

 

Il frutto è creato al tuo interno

"Diffondi la compassione tutt’intorno a te, guardati intorno – le persone sono così infelici, non aggiungere altra infelicità: la tua compassione farà diminuire la loro infelicità, una sola parola compassionevole diminuirà la loro infelicità.

Non aumentare la loro miseria, tu stesso l’aumenti continuamente con gli altri, aiuti gli altri ad essere sempre più infelici. Se comprendi che ci può essere compassione, cambierai totalmente, pur di non portare infelicità negli altri, invece riuscirai a provocare la contentezza nella vita di qualcuno, e troverai il modo di farlo.

Ricordati una cosa: chi costringe altri all’infelicità alla fine diventa lui stesso infelice, invece colui che porta contentezza raggiunge la vetta più alta di felicità. Per questo dico che chi prova a donare felicità sviluppa il proprio personale centro di felicità al suo interno, mentre colui che causa infelicità negli altri sviluppa il centro d’infelicità al suo interno.

Il frutto non proviene dall’esterno, viene creato al tuo interno. Qualsiasi cosa fai sviluppi, per quell’azione, la ricettività adatta dentro di te. Chiunque vuole amare dovrebbe dare il suo amore, e chiunque desidera beatitudine dovrebbe iniziare a condividere la sua beatitudine. Colui che desidera che la sua dimora sia ricoperta di fiori, dovrebbe iniziare a coprire di fiori le case degli altri. Non esistono altri modi, quindi la compassione è un’emozione che ogni persona dovrebbe sviluppare, per poter entrare in meditazione.”

Osho, The Path of Meditation, Talk #5

Per continuare a leggere in inglese clicca qui
Nel negozio puoi trovare il libro in italiano

 

 

 

Per trovare altre citazioni di Osho sulla felicità qualsiasi altro argomento che vi possa interessare, potete visitare la Osho Online Library Questa biblioteca gratuita contiene più di 225 libri di Osho che potete leggere o consultare effettuando la ricerca di parole chiave o frasi.