Quantcast

About Meditation? L'uscita, per favore?

L'uscita, per favore?

<< Back

Non c'è l'uscita qui! È una strada a senso unico. Puoi solo entrare... non abbiamo un'altra porta, solo quella di ingresso. Sarai costretto a rinascere: quella è l'unica uscita. E la via d'uscita non è una fuga verso l'esterno, ma una verso l'interno. È andare dentro.

Dhammapada: The Way of the Buddha, Volume 12, Nr. 6

Jean-Paul Sartre ha scritto un bellissimo libretto, una descrizione dell'inferno. Il nome del libro è 'La porta chiusa'. In questo inferno non hanno il vecchio tipo di torture, il fuoco e cose di questo genere. Ci sono tutti i comfort, l'aria condizionata, tutto ciò di cui hai bisogno. L'unico problema è che la porta è chiusa, non c'è modo di uscire. Sono tutti bloccati in questo posto con l'aria condizionata, insieme a gente di tutti i tipi, e non c'è nulla da fare e nessun posto dove andare; tutto arriva senza nemmeno chiederlo.

Desideri qualcosa e la ottieni: questa era di solito la descrizione del paradiso! Hai un desiderio ed è subito realizzato, ma non c'è modo di uscire. È un incubo con l'aria condizionata! Non puoi andar fuori; tutti sono seduti su di un bel divano, ma stare seduti è tutto. Le persone non si sopportano più a vicenda... sono sempre sotto l'occhio di tutti, non c'è privacy, e nasce di continuo il problema: 'E adesso? Non possiamo uscire di qui...'

Quello che Sartre descrive è un incubo con l'aria condizionata proprio perché la porta è chiusa... senza comprenderlo del tutto, sta descrivendo la mente. Sei chiuso nella tua mente insieme a sogni, fantasie, proiezioni, ideologie di ogni tipo, e non c'è modo di uscire.

La meditazione non è un modo di uscire dalla mente. Ti dice: 'Osserva la mente e sei già fuori. In effetti, sei sempre stato fuori'. L'idea di essere dentro la mente è falsa. Quando riesci a fermare la mente, di colpo questa idea falsa scompare e ti ritrovi fuori all'aperto. Allora hai a disposizione tutto il cielo; la libertà, la vita eterna, questa esistenza splendida sono sempre a tua disposizione, sommergendoti di benedizioni di ogni tipo.

Basta solo un trucchetto... non è nemmeno una tecnica, solo un trucco. Non sei all'interno della mente, ma questo è ciò che pensi, questo è il problema. Sicuramente ti ricordi di qualche incubo... ciò ti aiuterà a comprendere in che modo questa situazione va avanti. Nell'incubo, vorresti aprire gli occhi e non ci riesci; vorresti muovere le mani ma non puoi. L'uscita non c'è, la porta è chiusa! L'incubo diventa sempre più intenso... magari c'è un leone che ti sta proprio addosso o sei stato gettato da una montagna in un abisso oscuro e non puoi neanche vederne il fondo...

Quando arriva al massimo dell'intensità, l'intensità stessa ti porta a svegliarti. Non riesci a svegliarti finché l'incubo non è così forte; non riesci a uscirne. Ma quando diventa molto intenso, la sua qualità ti sveglia, e l'incubo non c'è più. Non sei mai stato nelle grinfie del leone e non sei stato gettato da una montagna né sei stato schiacciato da un bulldozer. Non è accaduto nulla. Era solo un sogno, ma tu pensavi di essere al suo interno.

E invece non c'eri; anche mentre stava svolgendosi, tu ne eri fuori. Era solo un film proiettato di fronte a te. Tu ne eri fuori.

The Great Zen Master Ta Hui, Discorso 23

<< Back