Quantcast

Sulla Meditazione? C'è una relazione tra gli sport come il jogging e la meditazione?

C'è una relazione tra gli sport come il jogging e la meditazione?

<< Back

Tu magari non pensi al correre come una meditazione, ma a volte chi corre può fare un'esperienza straordinaria di meditazione. È una sorpresa, perché non è quello che stava cercando: chi può immaginare che correre ti faccia sperimentare dio? Eppure è accaduto, e  lo jogging sta diventando sempre di più un nuovo tipo di meditazione.

Può accadere quando corri. Se hai mai provato, se ti sei goduto una corsa alla mattina presto quando l'aria è nuova e fresca, quando il mondo sta uscendo dal sonno, quando si sta svegliando, e tu corri e senti il tuo corpo che funziona a perfezione, senti l'aria fresca e il mondo nuovo nato dall'oscurità della notte, senti tutti gli uccelli cantare, e ti senti così vivo.... Arriva il momento in cui chi corre scompare, e resta solo il correre. Corpo, mente e anima iniziano a funzionare di concerto; improvvisamente accade un orgasmo interiore.

Chi corre a volte arriva - casualmente - a sperimentare il quarto stato, turiya, anche se non riesce ad afferrare l'essenza del momento, perché penserà che la gioia provenga dal correre: è una bella giornata, il corpo è sano, il mondo è bello, e lui è di ottimo umore. Non se ne rende ben conto. Ma ho osservato che, se riesce a rendersene conto, chi corre è più vicino alla meditazione di chiunque altro. Il jogging può essere di grande aiuto, e così il nuoto. Tutte queste cose devono essere trasformate in meditazioni.

Lascia perdere le vecchie idee di meditazione, secondo le quali stare seduti sotto un albero in una posizione yoga è meditazione. È solo uno dei modi possibili, che può andare bene per alcuni ma non per tutti.

Per un bambino sarebbe tortura, non meditazione.

Magari per un vecchio, che ha già vissuto, le cui energie sono già in declino, può essere meditazione. Le persone sono diverse, ce ne sono tanti tipi differenti. Per qualcuno che ha un'energia bassa, star seduto sotto un albero in una posizione yoga, può essere la meditazione migliore, perché la posizione yoga è quella che richiede la quantità minore di energia, la minore in assoluto. Quando la spina dorsale è eretta, a novanta gradi con il terreno, il corpo usa la minore quantità di energia possibile. Se ti sbilanci a sinistra o di fronte a te, allora il corpo inizia a usare più energia, perché la gravità ti tira verso il basso e devi tenerti su in modo da non cadere. Ciò richiede consumo di energia. È stato scoperto che una spina dorsale eretta richiede il consumo minore di energia.

Lo stare seduti con le mani unite in grembo è un'altra cosa molto utile per persone dall'energia bassa, perché se le mani si toccano, l'elettricità del corpo inizia a muoversi in cerchio. Non esce dal corpo, si muove dentro di te nella forma di un cerchio.

Devi sapere che l'energia viene sempre liberata attraverso le dita: non viene mai fuori da oggetti rotondi. La testa, per esempio, non può rilasciare energia; la conserva. L'energia viene liberata dalle dita, sia dei piedi che delle mani. In una delle posizioni yoga, i piedi sono uniti insieme, in modo che uno libera energia e l'altro l'assorbe; una mano libera energia e l'altra l'assorbe. Continui ad assorbire la tua stessa energia, diventi un cerchio interiore di energia. È una cosa molto rilassante, riposante.

Questa posizione yoga è la più rilassata possibile. È più rilassante persino del sonno, perché quando dormi il corpo è comunque soggetto alla forza di gravità. Se sei un una posizione orizzontale, ti rilassi in modo diverso; ti rilassi perché ciò ti riporta indietro ai tempi in cui l'uomo era un animale, orizzontale. È rilassante perché è regressiva; ti aiuta a ridiventare un animale.

Ecco perché da sdraiato non puoi pensare con chiarezza; il pensiero diventa arduo. Prova. Puoi sognare facilmente ma non puoi pensare con facilità; per pensare ti devi sedere. Più siedi eretto, migliori sono le possibilità di pensiero. Il pensiero è arrivato tardi; è apparso quando l'uomo è diventato verticale. Finché rimaneva orizzontale, c'erano i sogni ma non i pensieri. Perciò quando ti sdrai, inizi a sognare e il pensare si arresta. È una specie di rilassamento, perché non c'è pensiero; ma è una regressione. La posizione yoga è particolarmente adatta per la meditazione per coloro che hanno energia bassa, che sono malati, vecchi, che hanno vissuto già una lunga vita e adesso si stanno avvicinando sempre di più alla morte. Migliaia di monaci buddisti sono morti seduti nella posizione del loto, perché questo è il modo migliore di accogliere la morte. Nella posizione del loto sei assolutamente vigile, anche se l'energia va scomparendo, diminuendo ogni momento di più: sta arrivando la morte. Nella posizione del loto puoi conservare la consapevolezza fino all'ultimo istante. Ed essere consapevoli mentre si sta morendo è una delle esperienze più significative, l'orgasmo supremo.

Se sei vigile mentre stai morendo, avrai una nascita completamente diversa: nascerai sveglio. Chi muore sveglio, nasce sveglio. Chi muore nell'inconsapevolezza, nasce inconsapevole. Chi nasce con consapevolezza può scegliere il grembo giusto; ha una scelta, se l'è guadagnata. L'uomo che muore inconsapevole non ha diritto a scegliere il grembo da cui nascere; la scelta sarà inconsapevole, casuale.

L'uomo che muore in uno stato di consapevolezza perfetta in questa vita, dovrà rinascere ancora una volta soltanto, perché non avrà bisogno di altre vite. Deve solo fare un po' di lavoro: nella prossima vita lo realizzerà. Per chi muore consapevole, rimane solo una cosa da fare; finora non ha ancora avuto il tempo di espandere la consapevolezza in compassione. Nella prossima vita può espandere la consapevolezza in compassione. E, fino a che questo non accade, rimane ancora qualcosa di incompleto, di imperfetto.

Correre può essere una meditazione. 

Correre, danzare, nuotare, tutto può essere una meditazione. Questa è la mia definizione di meditazione: quando corpo, mente, anima operano insieme con lo stesso ritmo, quella è meditazione, quella è l'introduzione al quarto stato. E se ti rendi conto che lo stai facendo come se fosse una meditazione, non per andare alle Olimpiadi, ma per meditare, allora è un'esperienza meravigliosa.

Nella nuova comune introdurremo meditazioni di ogni tipo. Chi vuole nuotare, avrà la possibilità di fare una meditazione nuotando. Chi vuole correre, farà un gruppo per correre per chilometri e chilometri. Tutti riceveranno a seconda delle loro necessità; solo così il mondo può colmarsi di meditazione, non ci sono altre possibilità.

Se diamo solo un modello fisso di meditazione, esso sarà applicabile solo a poche persone. Questo è stato proprio uno dei problemi in passato: modelli fissi di meditazione, non fluidi, ma fissi, che si adattano ad alcuni tipi di persone, mentre gli altri vengono lasciati nell'oscurità.

Il mio lavoro è di rendere la meditazione disponibile per tutti.

La meditazione dovrebbe essere resa possibile per chiunque voglia meditare, a seconda del suo tipo. Se ha bisogno di riposo, allora la sua meditazione dovrebbe essere il riposo. Allora 'stare seduto in silenzio a far niente mentre l'erba cresce da sola',  dovrebbe essere la meditazione per lui. Dobbiamo scoprire tante dimensioni della meditazione per quante persone esistono al mondo. E lo schema non dovrebbe essere troppo rigido: non esistono due individui identici. Lo schema deve essere fluido in modo da adattarsi all'individuo. Nel passato, la pratica era che l'individuo doveva adattarsi allo schema.

Io introduco una rivoluzione: non è l'individuo che deve adattarsi allo schema, piuttosto lo schema deve adattarsi all'individuo. Ho assoluto rispetto per l'individuo. I mezzi non mi interessano,  possono essere cambiati, sistemati diversamente.

Ecco perché vedi qui tanti tipi di meditazioni. Non ci sono sufficienti opportunità, altrimenti saresti sorpreso da quante siano le porte del tempio di dio,  anche dal fatto che c'è una porta speciale che è tua e di nessun altro. Questo è l'amore che dio ha per te, il suo rispetto per te. Verrai ricevuto attraverso una porta speciale, non dovrai passare da un ingresso pubblico: sarai un ospite speciale.

Il fatto fondamentale è che, qualunque sia la meditazione, adempie al requisito che corpo, mente e consapevolezza, operino tutti e tre insieme. È così che un giorno, improvvisamente, arriva il quarto stato: quello del testimone. O, se vuoi, puoi chiamarlo dio; chiamalo dio o nirvana o Tao o come più ti piace.
 

The Book of Wisdom, # 23

<< Back