Quantcast

About Meditation? Silenzio senza sforzo...

Silenzio senza sforzo...

<< Back

Un leone gira per la foresta facendo un'inchiesta per decidere chi è il più grande tra gli animali selvaggi. Incontra l'ippopotamo e gli chiede: 'Chi è il re della foresta?' 'Sei tu', risponde l'ippopotamo. Più tardi incontra la giraffa. 'Chi è il re della foresta?', chiede. 'Sei tu', risponde la giraffa. Poi incontra l'elefante, gli dà una bella zampata sul ginocchio e chiede: 'Chi è il re della foresta?' L'elefante lo prende su con la proboscide e lo sbatte contro un albero. Mentre scivola giù, cercando di rimettersi un po' in ordine, il leone dice: 'Non c'è bisogno che ti arrabbi così, solo perché non conosci la risposta giusta'.

Vimal, sfortunatamente io conosco la risposta giusta. Non mi arrabbierò con te, ma di sicuro ti dovrò dire quando hai ragione e quando stai sbagliando.

In primo luogo, sederti insieme a me in questi discorsi vuol dire creare dentro di te uno stato di meditazione sempre più profondo. Non parlo per insegnare qualcosa; parlo per creare qualcosa. Queste non sono conferenze; sono solo un espediente per farti diventare silenzioso, perché se ti dicessi di diventare silenzioso senza fare alcuno sforzo, lo troveresti estremamente difficile.

Questo è ciò che i maestri Zen dicevano ai loro discepoli: 'Sii silenzioso, ma non fare alcuno sforzo'. In questo modo metti la persona in una posizione molto difficile: Non fare uno sforzo e sii silenzioso... Se fa uno sforzo, sbaglia, e non è possibile essere silenziosi senza fare uno sforzo. Se fosse possibile altrimenti, non ci sarebbe alcun bisogno di un maestro che insegni la meditazione. Potresti essere silenzioso senza alcuno sforzo.

Io ho sperimentato il lavoro dello Zen, con grande profondità. Lo Zen ha operato per quasi quattordici secoli, a partire da Bodhidharma, ed è una delle tradizioni più significative del mondo, totalmente dedicata ad un'unica cosa, la meditazione. Nessun altro ha fatto questo esperimento così a lungo, senza interruzioni. Eppure non ci sono molti maestri Zen.

È vero, ci sono più maestri nella linea dello Zen che in altre tradizioni, eppure sono sempre pochi paragonati al numero delle persone che hanno lavorato. Ho cercato di comprendere quale sia l'errore di base e, Vimal, l'errrore di base è questo: i maestri Zen avevano detto di fare la cosa giusta, ma non nel modo giusto. Io vi sto facendo diventare consapevoli del silenzio senza alcuno sforzo da parte vostra. Per la prima volta, parlare viene usato come strategia per creare silenzio.

Il mio non è un insegnamento, una dottrina, un credo; ecco perché posso dire qualunque cosa. Sono la persona più libera che sia mai esistita per quanto riguarda il dire le cose. Posso contraddirmi cento volte nella stessa serata, perché questo non è un discorso, quindi non deve essere coerente. È una cosa completamente diversa. Ci vorrà del tempo perché il mondo si accorga che ciò che stava accadendo era un esperimento assolutamente nuovo.

Basta un istante in cui io divento silenzioso, e anche tu diventi silenzioso... Ciò che rimane è un attesa purissima. Non stai facendo uno sforzo, come non lo sto facendo neanch'io. Mi piace parlare; per me non è uno sforzo.

Mi piace molto vedervi silenziosi.
Mi piace vedervi ridere.
Mi piace vedervi danzare.
Ma in tutte queste attività, la cosa fondamentale resta la meditazione.
E adesso qualcosa per tutti voi, senza alcuna connessione.

Hymie e Becky Goldberg vanno in vacanza in California con il loro figlio adolescente, Herschel. Herschel sta facendo jogging sulla spiaggia quando vede una persona che sta annegando, non lontano dalla riva. Si butta tra le onde e la porta a riva. Là si accorge con sorpresa che si tratta di Ronald Reagan. Il presidente si mette seduto sulla sabbia e, dopo aver ripreso fiato, dice: 'Giovanotto, la tua è stata un'azione eroica. Nei tempi incerti di oggi, con il crollo della borsa e la crisi del Medio Oriente, il mondo non può fare a meno di me. Figliolo, se c'è qualcosa che posso fare per te, dimmelo pure'. Herschel pensa per un minuto e poi dice: 'C'è una cosa'.
'Dilla pure', lo incoraggia Ronald Reagan.
'Vorrei essere sepolto con la mia tavola da surf nella Spiaggia 'Al Paradiso dei Surfisti', qui in California'. Questa richiesta sorprende Ronald Reagan. 'Non capisco', dice. 'Hai l'aria di essere sanissimo'.
'Oh, certo, lo sono', risponde Herschel. 'Ma quando mio padre, Hymie Goldberg, scopre a chi è che ho salvato la vita, quello mi ammazza!'

Okay, Maneesha? Sì, Osho.

Satyam Shivam Sundram, Capitolo 28

<< Back