Quantcast

OSHO Times Body Dharma Il linguaggio dimenticato

Il linguaggio dimenticato

I sentimenti, le sensazioni, sono il linguaggio, il linguaggio dimenticato. Se li comprendi, comprendi tutto.

Si racconta che Lukman, uno degli uomini più saggi mai esistiti - il fondatore della medicina Yunani - si avvicinasse alle piante, agli alberi e ai cespugli, si sedesse vicino e si mettesse in contatto con le sensazioni che gli davano, per poi chiedere: 'Come posso usarvi? In che malattia potete essere utili?' Si dice che abbia scoperto milioni di erbe, semplicemente mettendosi in contatto tramite le sensazioni. L'erba gli diceva: 'Andrei bene per la tubercolosi; potrei essere d’aiuto'.

Sembra una favola, un mito. Tuttavia gli scienziati sono perplessi: se è solo una favola, come ha fatto Lukman ad arrivare alle sue conoscenze? Ed esse sono state provate esatte da tutti gli esperimenti scientifici. Allora non esistevano laboratori come quelli odierni; non c'erano strumenti così raffinati, per nulla! Se questa è una favola, nasce un problema più grande: Come è riuscito a sapere? E non si trattava di due o trecento erbe... sono milioni! Se avesse fatto esperimenti con i rozzi strumenti a sua disposizione, gli ci sarebbero voluti dieci o ventimila anni per scoprire tutto. Sembra persino più improbabile della prima versione. La prima sembra più vicina alla realtà... che chiedesse alle erbe.

In India esiste una storia simile. L’Ayurveda, la medicina indiana, è basata sullo stesso segreto. I segreti sono stati rivelati dalle piante. Ma per far questo è necessario un linguaggio, un linguaggio universale, non ristretto agli esseri umani.

Le sensazioni, i sentimenti sono proprio quel linguaggio. Il greco, l'arabo o il sanscrito non bastano. Nessuna lingua che nasce dalla mente può essere una lingua divina. No, il linguaggio divino nasce dal cuore. I sentimenti sono quel linguaggio.

Se inizi veramente a sentire, se il tuo cuore palpita, vibra con i tuoi sentimenti, puoi chiedere qualcosa a un albero, e l'albero è sempre pronto a rivelare i suoi segreti. Puoi chiedere a un uccello, e l'uccello ti rivelerà i suoi segreti. Puoi chiedere all'esistenza, e l'esistenza è pronta a rivelare il suo cuore.

Osho, Just Like That, #7

Per continuare a leggere clicca qui