Quantcast

Featured Books Life Love Laughter Una storia d'amore (Parte 5)

Una storia d'amore (Parte 5)

Devi liberarti dalla serietà. Non occorre essere così serio; non occorre essere così santo, così sacro. Impara a ridere, impara a cantare. Questo ti aiuterà moltissimo, perché l'intera esistenza è una festa. Se siamo seri, non siamo più parte dell'universo.

Il vecchio proverbio è giusto: se ridi, il mondo intero ride con te; se piangi e ti disperi, piangi e ti disperi da solo. La gente ha già fin troppi problemi: chi vuole stare a sentire una persona triste e seria?

Quindi, impegnati a lasciar cadere la tua serietà, e la si può mettere da parte, perché essa non è naturale: nessun bambino nasce serio, gli si insegna a esserlo; e la mia funzione qui è aiutarti a ritornare bambino.

Nessuno ha mai definito la meditazione come 'senso dell'umorismo'; ma, per me, avere il senso dell'umorismo significa possedere la qualità religiosa più valida. Chi non riesce a ridere, non può neppure pregare. La persona che non è in grado di vedere l'esistenza con tutti i suoi splendori e tutte le sue infinite assurdità, non potrà mai capire la vita. E la vita è Dio, non esiste altro Dio.

Più diventi silente, più sarai in grado di vedere le cose in una prospettiva limpida e chiara, e ti sorprenderà vedere che le cose hanno uno splendore incredibile. L'intera esistenza ride: fatta eccezione per questa sciocca umanità, e per i suoi stupidi santi che continuano a sedere come mummie, morti, trattenendosi, timorosi, se perdono il controllo e si mettono a ridere, di perdere la stima... ogni altra cosa ride!

Tratto da: Vivere, amare, ridere Ed.NSC

Per la recensione del libro clicca qui